5
La prima serata si è svolta a Fasano
Sotto i riflettori di Legalitria legalità e turismo
Seconda giornata per il primo festival nazionale sulla legalità che si svolge in Puglia ed è organizzato dalla cooperativa Radici Future, in collaborazione con Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Locorotondo e Comune di Fasano. 
redazionale | 4 maggio 2018

Una tavola rotonda dedicata al turismo e al lavoro per approfondire il tema della legalità. E’ l’appuntamento di punta della seconda giornata, quella del 4 maggio, del Festival Legalitria che fino a domenica 6 maggio, si svolge nei Comuni di Fasano e Locorotondo, con un appuntamento a Martina Franca. Si tratta del primo festival nazionale sulla legalità che si svolge in Puglia ed è organizzato dalla cooperativa Radici Future, in collaborazione con Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Locorotondo e Comune di Fasano. 
Tanti gli argomenti affrontati in un Festival che nasce da un incontro nell’istituto agrario di Locorotondo
. Un incontro che ha messo in moto la macchina organizzativa che ha portato a questo risultato. “L'idea di promuovere un Festival sulla Legalità nel territorio della nostra meravigliosa Valle – ha sostenuto Tonio Salamina, responsabile della sezione scuole del Festival LegalItria - ha subito galvanizzato la nostra scuola, per altro già molto impegnata sul versante del rispetto delle buone regole, del diritto e della necessità di favorire una migliore cittadinanza attiva dei nostri giovani. Coinvolgere i ragazzi nella lettura dei testi ed interpellare le loro coscienze è un’azione che la scuola deve favorire e realizzare, e i nostri alunni, ora e più che mai, hanno bisogno di tornare a riflettere con i libri, poiché troppo impegnati con strumenti informatici che spesso non sono capaci di scuotere il loro spirito critico. Con Legalitria – ha concluso Salamina - inauguriamo una stagione nuova in cui il ‘Basile Caramia - Gigante’ di Locorotondo è protagonista e socio fondatore. Siamo inoltre molto contenti per aver previsto un premio dedicato a Palmina Martinelli, questa piccola eroina, figlia della nostra terra, la cui storia di ribellione e liberazione abbiamo cominciato a raccontare ai suoi coetanei di oggi e che l'associazione Libera recentemente ha riconosciuto come vittima di mafia”.
Sei le scuole coinvolte: a Fasano IPSEOA “Salvemini” e ITC “Salvemini”, “Istituto Professionale Statale Industria e Artigianato” e Liceo scientifico “L. Da Vinci”, a Locorotondo l’IISS Agrario Alberghiero “Basile Caramia – Gigante”, a Martina Franca il Liceo classico “Tito Livio”.
Questi gli ospiti di oggi 4 maggio, a partire dagli incontri mattutini nelle scuole: nelle scuole Enrica Simonetti e Leonardo Palmisano a Fasano, don Giovanni Ladiana, Marco Omizzolo e Mara Chiarelli a Locorotondo, e sempre a Locorotondo nell’Auditorium comunale, per la tavola rotonda, Carmelo Cantone provveditore amm. penitenziaria Puglia e Basilicata, Giannicola D'Amico vicepresidente GAL Valle d'Itria, Carmine Esposito Questore di Bari, Pino Gesmundo segretario generale CGIL Puglia, Massimo Salomone per Confindustria Puglia, Fabrizio Santorsola pres. CNA Puglia balneatori. Modera Massimiliano Scagliarini de La Gazzetta del Mezzogiorno. 

Main sponsor del Festival: GAL Valle d’Itria e BCC Locorotondo. LegalItria vanta il patrocinio di Legacoop Puglia, Alleanza delle Cooperative Italiane, Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise, CGIL Puglia, Confindustria Bari e Barletta-Andria e Trani, CulTurMedia, FNSI, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Assostampa Puglia, Libera Puglia, Dedalo Stampa Digitale, Presidi del Libro. Sponsor del Festival: Pizzeria “Casa Pinto”, Albergo diffuso “Sotto le Cummerse”, Ristorante “U Curdunn”, Docks 101. 

Galleria fotografica
Commenti