Agenda

L’Università di Bari chiama a raccolta e sostiene le migliori idee

Il BaLAb di Bari
Il BaLAb di Bari

BaLab è a Bari, Barletta e Taranto. Ancora pochi giorni per accedere alla selezione

di Annalisa Turi*

Scadrà il 15 febbraio il bando per accedere al  BaLab, la “casa delle idee” dell’Università di Bari: un luogo speciale in cui si condividono sogni e visioni, incontrano, scontano e confrontano idee e speranze, contaminano competenze e progetti imprenditoriali.
La call, che prevede un percorso di contaminazione di idee innovative, è rivolta a tutti i giovani studenti universitari, dottorandi, ricercatori, startupper nati e/o residenti in Puglia o domiciliati in Puglia (studenti, impiegati, immigrati o rifugiati), che abbiano dai 18 ai 35 anni. Essi potranno presentare la propria idea imprenditoriale innovativa entro il 15 febbraio 2018.
L’obiettivo del BaLab sarà quello di trasformare ‘sogni individuali in progetti condivisi’. Gli ambiti di interesse sono: Food, agricoltura e economia circolare; Beni culturali, paesaggio e turismo; Rigenerazione urbana, hosuing, edilizia sostenibile e sicurezza; Smart cities and communities; Transizione energetica, mobilità sostenibile e tutela ambientale; Welfare, job skills e Innovazione Sociale; Life sciences e qualità della vita; Editoria, media e smart education; Economia collaborativa e finanza; Arte, Design e Comunicazione. La visione di un BaLab ’diffuso’ a Bari, Barletta e Taranto, e il contributo al Progetto delle Confindustria territoriali è la dimostrazione di quanto l’interconnessione tra mondo della ricerca, innovazione e bisogni delle comunità locali sia strategica per lo sviluppo delle potenzialità imprenditoriali innovative.

L’Università individua in questo Bando il miglior modo di far sviluppare le culture dei territori valorizzando il protagonismo dei giovani che restano perché responsabilizzati a costruire il futuro che vogliono.

(Annalisa Turi è Dottoranda di ricerca in Diritto Tributario)

Per informazioni e candidature clicca qui

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su