Editoriale

Nasce Digicoop, consorzio di giornali indipendenti

Presentazione
Presentazione di Digicoop al Fico - Bologna (foto Serena Mosso Zai.net)

Ieri è stato presentato ufficialmente Digicoop, e Radici Future Magazine è uno dei giornali che fa parte di questo consorzio. Digicoop spiegato con twitter è “un consorzio di giornali che vuole partecipare alla rivoluzione digitale senza cedere al sensazionalismo o peggio alle fakenews”. Avendo più righe a disposizione, il consorzio che aderisce a Legacoop è aperto e in crescita, e conta al momento 12 quotidiani e periodici in tutta Italia, dal Nord al Sud. Media che si sono dati una organizzazione, condivideranno un codice etico, raccolta pubblicitaria e una piattaforma digitale. Sono tutti aspetti che sostengono la libertà nel mondo dell’informazione. Di fatto, un codice etico è un impegno nella lotta alle fakenews, la raccolta pubblicitaria serve a rendere la stampa libera a tenerla a riparo da finanziatori occulti, e così, una piattaforma tecnica rende indipendenti dai grandi fornitori di supporto tecnico. Avere una organizzazione, un sistema di impaginazione e di gestione dei siti indipendenti però richiede un investimento di centinaia di migliaia di euro. Somma che solo i grandi giornali italiani online si potevano permettere sino a ieri. Oggi se lo possono permettere anche medi e piccoli giornali. E’ una rivoluzione e ce ne rendiamo conto. E tutte le rivoluzioni vanno intraprese con grande senso di responsabilità. Digicoop è stata presentata ieri al Fico di Bologna al termine della Direzione Nazionale di CulTurMedia.

Culturmedia Fico Bologna

La presentazione di Digicoop è avvenuta nell’ambito del direttivo CulTurMedia che si è tenuto al Fico – Bologna il 18 gennaio

Radici Future Magazine non rappresenta più solo i suoi giornalisti e il suo editore, che è la cooperativa Radici Future, ma anche, e in quota parte, rappresenta un gruppo. Questo ci porterà a migliorare le inchieste, il racconto del movimento cooperativo e come esso si mischia con la vita del Paese, ad ampliare la rete dei nostri opinionisti che abbiamo scelto e sceglieremo non tra i venditori di fumo, ma tra gli esperti in diversi campi: questo per fornire una informazione gratuita e di servizio, mirata ad informare il lettore consapevole. Per questo non abbiamo la fretta di scrivere la notizia urgentemente, ma abbiamo la necessità di scriverla bene, più esatta possibile, per i nostri lettori. Infondo, Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento. Noi abbiamo deciso di costruire, insieme ad altri giornali, Digicoop.

Clicca qui per scoprire il mondo in Digicoop

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su